IL SESTO PALAZZO UFFICI E LE “OSSERVAZIONI” DI CERTOSA

Riprendiamo un articolo pubblicato la scorsa settimana sul “Cittadino” in merito alle trattative che pare siano in corso tra il Comune ed Eni sul Sesto Palazzo Uffici. “Sul nuovo centro direzionale Eni si è aperto un nuovo margine di trattativa tra comune e primi referenti del colosso petrolifero. Mentre sta procedendo la fase della demolizione dei vecchi volumi di terziario al fine di fare “tabula rasa” nel lotto De Gasperi Est, dove dovrà sorgere il nuovo complesso, proseguono i confronti, iniziati in luglio, nel corso dei quali i vertici dell’ente locale tenteranno di strappare qualche vantaggio in più per San Donato, oltre a quanto previsto nella convenzione che è stata firmata nella primavera dall’ex giunta di centro destra. «Per il momento – spiega il sindaco Andrea Checchi -, ho chiesto a tutte le forze di maggioranza di segnalare le priorità da inserire in un documento che quanto prima predisporremo per sottoporlo ad Eni. Per citare qualche esempio si tornerà a parlare di mobilità, con l’inserimento di proposte innovative come le auto elettriche, ma anche del museo dell’energia e del tema dell’occupazione. Sono alcune delle richieste emerse dai partiti, che lanceremo all’azienda in una prospettiva di insieme che sosterremo in cambio della nostra disponibilità a fare sinergia in tutta la fase di esecuzione delle opere». Torneranno dunque in auge le proposte che si erano alzate dall’allora opposizione di centro sinistra, oggi in maggioranza, nella fase in cui l’ex squadra di governo stava definendo l’accordo per il cosiddetto sesto palazzo uffici (anche se questa volta non sarà una torre di vetro, ma un insieme di edifici con sviluppo orizzontale).(…)”

Perchè ci occupiamo di questa particolare tematica? Forse i lettori più attenti ricorderanno che, in fase di Osservazioni al Sesto P.U., il Comitato Quartiere Certosa aveva fatto pervenire un proprio documento nel quale si chiedeva proprio che la nuova, imponente realizzazione del “cane a sei zampe” portasse beneficio anche ad altre parti della città, considerando comunque irrisori anche i presunti vantaggi ottenuti da Dompè (rotonde, parcheggi), se non addirittura controproducenti.

Che cosa chiese a suo tempo il Comitato? Dopo una generale contestazione alla mancanza di collegamento con il resto della città del nuovo complesso e la mancanza di spazi a fruizione anche pubblica, il sodalizio certosino proponeva di destinare una parte degli oneri previsti per la riqualificazione del Centro Sportivo Metanopoli (ben 1.500.000 euro) anche ad altri centri sportivi comunali sparsi sul territorio, tra cui il campo Nardelli in via Parri, bisognoso di interventi non più procrastinabili.

L’altro punto fondante delle Osservazioni del Comitato riguardava i previsti parcheggi sotterranei che in base alla Convenzione avrebbero dovuto essere poi ceduti al Comune, operazione questa di dubbio vantaggio per il Comune stesso e inoltre considerati, a torto, urbanizzazioni secondarie. La nostra proposta fu quella di considerare tale opera come urbanizzazione primaria, liberando così ben 12.980.000 euro, da destinarsi alle varie riqualificazioni di cui la nostra città necessita, in particolare la riqualificazione dei plessi scolastici, il rifacimento di piazza Tevere, la ristrutturazione del Centro polifunzionale di via Parri, ecc.

All’epoca dei fatti, le nostre Osservazioni non furono prese nemmeno in considerazione, seppur fondate. Ora, però, potrebbero essere riconsiderate alla luce del nuovo rapporto che pare si stia instaurando tra l’Amministrazione Checchi ed Eni. Noi proviamo a riproporle, sperando che il Sindaco voglia tenerle in considerazione nei suoi futuri colloqui con il colosso dell’energia, affinchè il “Sesto” non sia solo un affare per pochi.

Per leggere il testo originale delle nostre Osservazioni: http://percertosa.myblog.it/list/comitato-quartiere-certosa/1478839633.pdf

IL SESTO PALAZZO UFFICI E LE “OSSERVAZIONI” DI CERTOSAultima modifica: 2012-09-24T22:26:00+02:00da lmenegazzi
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.