ABBONAMENTI PER STUDENTI, UNA PETIZIONE DEL COMITATO RILANCIA IL TEMA

Autobus1-320x152-2

Una petizione per rilanciare l’annoso problema dell’abbonamento per studenti ai mezzi pubblici: questa è la nuova sfida del Comitato Di Vittorio/Parri/Certosa. L’iniziativa prende le mosse dalla constatazione che gli studenti di via Di Vittorio (come tutti gli studenti sandonatesi), per recarsi alle medie o alle superiori, hanno a disposizione un abbonamento che costa molto di più di quello dei loro omologhi milanesi: ben 30,50 euro al posto di 22,00. Per fare poche fermate in territorio sandonatese, insomma, i nostri ragazzi spendono quasi un terzo in più rispetto agli studenti del capoluogo di provincia, che oltretutto utilizzano il loro abbonamento su una rete di trasporto ben più vasta e diversificata della nostra. Una disparità dura da “digerire”, soprattutto oggi che i costi di trasporto incidono molto sulla spesa delle famiglie. Il Comitato si era già mosso nei mesi scorsi chiedendo un incontro con l’Assessore ala partita, Serenella Natella, che aveva rese note le motivazioni di questa differenza e aveva illustrato la complicazione del sistema di tariffazione. Una cosa però è stata chiara, ed è stata anche ribadita dall’Assessore in una lettera al Comitato: attualmente la Provincia copre una parte del costo degli abbonamenti, ma…. “Come già esposto durante l’incontro con il Comitato, il ripianamento della differenza di costo, dovrebbe essere a carico della nostra amministrazione e quindi devono essere verificate le coperture all’interno del bilancio.”

Dunque il problema, più che tecnico, è politico. In una situazione nella quale moltissimi oneri sono stati ribaltati dallo Stato (o dagli enti sovraordinati) ai Comuni, anche i contributi per gli abbonamenti non fanno eccezione, dunque deve essere il Comune a decidere se investire in questo senso o meno. Non crediamo infatti che il nostro Comune abbia qualche carta particolare da giocare per ottenere senza oneri aggiuntivi un allineamento del costo dell’abbonamento con quello milanese (se ci fosse saremmo tutti molto contenti), dunque non resta che mettere mano al portafoglio. Noi crediamo che un’Amministrazione desiderosa di implementare il trasporto pubblico, di ridurre i problemi di traffico, mancanza di parcheggi e inquinamento nonchè di venire incontro alle difficoltà delle famiglie dovrebbe prendersi carico di questo, tanto più che il nostro Comune non naviga certo in cattive acque e vanta un cospicuo avanzo d’amministrazione. Sarebbe un aiuto concreto alle famiglie, in un momento storico di grande difficoltà economica, significherebbe l’eliminazione di una sperequazione che pone i nostri ragazzi in una posizione subalterna agli studenti milanesi, vorrebbe dire ripristinare un po’ di equità. Complimenti dunque al Comitato Di Vittorio/Parri/Certosa per aver sollevato con forza questo problema che non riguarda solo il quartiere ma tutta la nostra città. Per chi vuole aderire alla raccolta firme, questo è l’indirizzo per firmare:

https://www.change.org/p/al-sindaco-di-san-donato-milanese-andrea-checchi-e-all-assessore-serenella-natella-abbonamento-mensile-studenti-solo-ambito-san-donato-milanese?recruiter=49989228&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=share_facebook_responsive&utm_term=des-lg-no_src-no_msg

 

ABBONAMENTI PER STUDENTI, UNA PETIZIONE DEL COMITATO RILANCIA IL TEMAultima modifica: 2015-02-11T17:24:01+01:00da lmenegazzi
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento