LE DOMANDE DEI CITTADINI, IL SILENZIO DELL’AMMINISTRAZIONE

IMG-20150120-WA0018

Ciò che sembra contraddistinguere la maggior parte delle amministrazioni comunali, di qualsiasi colore, è che, a distanza di alcuni anni o magari mesi dall’insediamento, la comunicazione coi cittadini si interrompe e le risposte alle loro legittime domande non arrivano più. Prendiamo il caso del parco di via Olona. Più volte è stata annunciata la possibilità di ampliare il parco esistente acquisendo l’area dell’attuale parcheggio di proprietà di Pirelli Real Estate. Siamo tutti in attesa che le volumetrie regalate dall’ex Sindaco Dompè alla proprietà del terreno siano vendute in modo che l’area diventi di proprietà comunale e si realizzi finalmente il parco. Sappiamo però che i tempi saranno necessariamente lunghi. Nel frattempo è stato richiesto, sia dall’ex Comitato Quartiere Certosa, che dall’attuale Comitato Di Vittorio/Parri/Certosa, di obbligare la proprietà dell’area a pulire e recintare la stessa, in modo da evitare l’occupazione del sottopasso da parte degli abusivi nonchè la discarica di materiali di vario tipo, anche pericolosi. Stanchi dell’inerzia dell’Amministrazione, gli aderenti al Comitato hanno scritto una e-mail ufficiale al Sindaco Checchi, all’Assessore Natella, al Comandante dei Carabinieri e al Comandante della Polizia Locale, chiedendo in modo perentorio che venisse emessa un’ordinanza per obbligare la proprietà a rispettare i suoi obblighi. Risultato: solo il Comandante dei Vigli Urbani, Fabio Allais, ha risposto con una e-mail. Dalle altre figure istituzionali nessuna risposta.

Perchè, si chiedono i cittadini, non si vuole fare finalmente un passo altrettanto formale nei confronti di una proprietà che è palesemente inadempiente? Non risulta infatti che sia stata nel frattempo emessa alcuna ordinanza in proposito, anche se sono iniziate alcune azioni di pulizia parziale dell’area. Come sappiamo però, in mancanza di recinzione dell’area si ripresenteranno presto gli stessi problemi e, se nel contempo l’area stessa dovesse passare nelle mani del Comune, toccherebbe a noi recintarla e mantenerla in sicurezza finchè non verrà realizzato il parco, per il quale si prevedono tempi molto lunghi. Non sarebbe dunque meglio insistere per far eseguire questo lavoro all’attuale proprietà dell’area, come sarebbe legittimo? Domande alle quali le autorità hanno il dovere di dare risposta, ovviando a quel vuoto istituzionale che contribuisce, assieme a tanti altri aspetti, ad allontanare gli elettori dalle urne.

LE DOMANDE DEI CITTADINI, IL SILENZIO DELL’AMMINISTRAZIONEultima modifica: 2015-02-15T17:21:12+01:00da lmenegazzi
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento